Conosciamo meglio l’autrice.
Patrizia Zaccaria è una ragazza comune, una mamma molto premurosa di due bambini vivaci e pieni di vita, una sognatrice, adulta ma con il cuore di un bambino; caparbia e tenace, motivata e irremovibile nei suoi progetti. Ama gli animali e la natura, passeggiare al mare o davanti a un lago o in un foltissimo bosco. Le piacciono la semplicità e la genuinità, l’essenziale.
Ciao Patrizia!
Come stai?
Salve a tutti, visto il periodo difficile posso ritenermi fortunata visto che sto abbastanza bene. Grazie

Parliamo un po’ di questo libro, un progetto curato da te ma su cui hanno lavorato anche i tuoi figli (fortissimo!). Come nasce questa idea? E soprattutto come l’hai sviluppata?
Questa bellissima e simpatica idea nasce in un periodo buio e cupo, quello del lockdown.. la nostra idea di inventare una favola tutta nostra, è nata dalla semplicità della continua fantasia dei piccoli unita alla voglia di affrontare questo momento con coraggio e con un ottica positiva…guardando aldilà del problema che ai stava vivendo. Quindi le loro idee fantastiche con il mio aiuto da adulto, ha dato vita ad un sogno…una bellissima ed emozionante storia avventurosa con un lieto fine che è appunto quello che metaforicamente interpretato nella storia, poi ci si aspetta di ritrovare nella vita reale.

C’è qualche film, libro, cartoon che ha influenzato il vostro progetto? Intendo dire: c’era un modello o tutto è nato in modo originale?
Direi che le favole più o meno hanno un iter molto comune, in cui c’è un protagonista principale che affronta insieme ad altri di secondaria importanza, una serie di ostacoli, vincendo la figura del cattivo per giungere poi al bene.  E su questo si è sviluppata la fantasia dei bambini che hanno viaggiato con l’immaginazione in un modo pazzesco.

Mamma e curatrice! Parlaci un po’ di te. Stai scrivendo? Hai progetti in cantiere?
Scrivere è l’arte di esprimere ciò che si ha di più segreto nel cuore proiettato attraverso le parole di storie  o poesie… Io mi sono ritrovata quasi per caso, con questo progetto..
Sono una mamma a tempo pieno e una studentessa universitaria in psicologia. Quindi ho davvero poco tempo a disposizione, ma ho un carattere molto ambizioso e creativo, non mi fermo mai con innumerevoli progetti tra cui anche appunto la scrittura. Ma per il momento non ho ancora un progetto vero e proprio ma solo tante idee nella mia mente.

C’è un’affinità col mondo della scuola, c’è una forte struttura narrativa che propone temi positivi. Tu insegno, mi pare. Ci vuoi parlare del tuo lavoro?
Involontariamente si sono creati dei temi molto significativi nella storia, che sottolineano diversi aspetti sociali importanti nell’educazione dei bambini, come ad esempio il tema del rispetto per gli animali, il rispetto per l’altro.. ma tanti altri ancora..

Ultima domanda, facciamo un gioco. Tra tutti i libri ne puoi salvare solo tre.
Che libri sceglieresti da portare con te?
Domanda molto difficile, i libri sono ognuno una fonte preziosa di ogni piccolo tassello di un intero universo culturale..
Ovviamente il mio! E poi così giusto perché devo sceglierne ad esempio la biografia di Chiara Corbella e Le cronache di Narnia.

 

Lascia un commento